Polizza Vita

By | 13 marzo, 2009

Esistono diverse forme di polizze vita:

  • le polizze vita di risparmio (che consistono nel semplice accantonamento dei risparmi: il cosiddetto risparmio forzoso);
  • le polizze vita di protezione (le polizze caso morte, a tutela degli eredi legittimi);
  • la polizze vita pensionistiche (forme di pensione integrativa: i PIP, “piano individuale pensionistico”);
  • le polizze vita a favore delle aziende, ossia il TFR (il "trattamento di fine rapporto").

È bene sapere che una polizza vita, per dare buoni risultati in termini economici, non deve avere una durata minima inferiore ai 15 anni, a meno che il premio versato non sia tanto elevato da permettere una buona rendita anche in un lasso di tempo inferiore.

Sicuramente tra tanti clienti vi sono esigenze variegate: se si decide di stipulare una polizza vita è possibile rateizzare il pagamento, scegliendo tra i prodotti quello che non abbia i cosiddetti costi di frazionamento. Molte polizze vita si comportano come i prestiti, e questi costi influenzeranno la rendita finale, per cui è vero che è una comodità frazionare la spesa, ma è anche vero che il capitale maturato perderà qualcosa.

Un altro aspetto molto importante è sapere se il prodotto scelto è indicizzato oppure costante. Scegliendo una polizza costante il versamento pattuito non potrà mai cambiare negli anni; invece quello indicizzato aumenta sempre ogni anno. Quest’ultimo permette ai clienti di avere una rendita finale al passo con l’aumento del costo della vita che negli anni si è sviluppato.

Un altro punto da considerare risulta il fatto che questo tipo di polizza vita non dà vantaggi fiscali, per cui se si hanno queste esigenze, oltre alla forma di risparmio forzoso, è necessario sapere che questo non è il prodotto ideale. Per questo esistono i PIP.

E utile prediligere polizze vita le quali gestioni patrimoniali si basino, se non del tutto, per la maggior parte su obbligazioni o titoli di stato e che abbiano pochi o anche nessun titolo azionario.

Infine, tra le gestioni patrimoniali, è meglio preferire quelle che diano un minimo di interesse garantito, comunque.

Inoltre, un fatto molto interessante è che la polizza vita è oggi l’unico prodotto assicurativo o finanziario impignorabile e insequestrabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *